Home / Diete / Dieta del gruppo sanguigno 0: è davvero una buona idea?

Dieta del gruppo sanguigno 0: è davvero una buona idea?

Dieta gruppo sanguigno 0 Peter D Adamo Piero Mozzi alimentazione controindicazioni benefici

Oggi parliamo di un regime alimentare consigliato per le persone che hanno il gruppo sanguigno 0, il gruppo dei donatori per eccellenza.

Il fine di questa dieta è garantire salute e/o perdita di peso per chi ha questo gruppo sanguigno.

Ovviamente questo articolo ha carattere puramente informativo e noi invitiamo a chiedere il parere di un esperto prima di decidere di adottare questo particolare regime alimentare.

Gruppo sanguigno 0: Rh positivo o negativo?

Non ci sono differenze per il regime alimentare consigliato, a meno che non ci siano allergie o intolleranze personali che obbligano ad apportare modifiche alla dieta.

Chi è Peter D’Adamo e cosa afferma la sua teoria?

L’ideatore di questa dieta è un naturopata, il dottor Peter D’Adamo. La sua teoria si basa sull’idea che il gruppo sanguigno abbia una certa correlazione con la funzionalità del metabolismo. Secondo D’Adamo le lectine, proteine, sono contenute in alcuni alimenti e influenzano in qualche modo i vari gruppi sanguigni in maniera differente.

Secondo il dottor D’Adamo le lectine possono, in qualche modo, intossicare le persone con un determinato gruppo sanguigno, aumentando le intolleranze alimentari degli ultimi tempi. In realtà le lectine sono contenute nella maggior parte degli alimenti e quindi non nuociono assolutamente alla salute.

Promulgatori in Italia: il dottor Mozzi

Ebbene sì, questa ideologia di dieta nata da Peter d’Adamo è stata portata e condivisa qui in Italia dal dottor Piero Mozzi che crede appunto in questo regime alimentare costruito appositamente per tutti i pazienti con lo stesso gruppo sanguigno, così che possano vivere al massimo della loro salute prevenendo o combattendo malattie e infezioni dovute ad un’alimentazione sbagliata.

Alimenti  e stile di vita consigliati

Secondo l’ideatore, il gruppo sanguigno 0 è il più importante perché quello donatore per eccellenza, caratterizzato da fisico atletico e particolare propensione per la carne, per questo motivo molto vicino alle abitudini degli uomini del paleolitico.

Le tipologie di diete migliori per le persone con gruppo sanguigno 0 sarebbero, secondo d’Adamo, quelle iperproteiche in cui la carne fa da padrona. Essendo persone atletiche, è consigliata una vita attiva in cui lo sport non può mancare, specialmente se richiede allenamenti pesanti.

Ovviamente una dieta iperproteica di qualsiasi genere è sconsigliata perché le proteine, come ogni alimento, vanno assunte nelle giuste proporzioni per dare il maggior profitto con minime controindicazioni, lasciando spazio anche agli altri macronutrienti essenziali.

Peter d’Adamo consiglia di seguire questa dieta non solo per qualche giorno ma costantemente, per garantire la massima funzionalità dell’organismo e non solo la perdita di peso.

Alimenti sconsigliati per la dieta del gruppo sanguigno 0

Per questo particolare gruppo sanguigno, l’ideatore di queste diete pensa che determinati alimenti non possano essere assunti perché rallenterebbero il lavoro intestinale.

Per il gruppo sanguigno 0 sono da evitare, ad esempio,cereali e latticini. Se così non fosse, una cattiva digestione sarebbe solo la punta dell’iceberg: potrebbero esserci anche mal di testa sino a malattie più gravi (ribadiamo, questo è puramente il pensiero dell’ideatore). Effetti negativi si manifesterebbero velocemente perché i pazienti con questo gruppo sanguigno hanno un sistema immunitario molto reattivo.

Dieta dimagrante

Abbiamo parlato degli alimenti consigliati e di quelli da evitare categoricamente. Di seguito tutte le indicazioni che vengono date riguardo gli alimenti da eliminare perché causano sovrappeso per i pazienti con gruppo sanguigno 0:

  • I cereali: non solo sono un alimento da evitare perché potrebbero intaccare il benessere dell’organismo, ma contengono anche il glutine che, secondo l’ideatore della dieta, sarebbe la prima causa di obesità per i pazienti con gruppo sanguigno 0;
  • I legumi, che contengono le famose lectine sopracitate;
  • I prodotti caseari, che creano gonfiore e meteorismo.

Attività sportiva da praticare

Si è discusso riguardo il fatto che, secondo Peter d’Adamo, chi ha il gruppo sanguigno 0 risulta essere una persona molto attiva e deve assolutamente praticare sport, anche con allenamenti pesanti. Specificatamente, ecco le attività maggiormente consigliate per garantire il benessere dell’individuo:

  • Nuoto;
  • Corsa;
  • Aerobica;
  • Palestra, specificatamente il sollevamento pesi;
  • Bicicletta;
  • Danza.

Dieta priva di fondamento scientifico

Come abbiamo precedentemente detto e fatto intendere, noi non consigliamo assolutamente di seguire il programma di questa dieta e qualsiasi esperto nel campo dell’alimentazione potrà darci ragione.

Non si scherza riguardo le diete e togliere o aumentare i valori di un qualsiasi macronutriente deve avere motivazioni importanti legate alla salute del paziente, per questo motivo non affidatevi assolutamente a queste ideologie.

Un corretto regime alimentare dipende da tanti fattori soggettivi, non dal proprio gruppo sanguigno, e solo un nutrizionista, un dietologo o dietista esperto potrà dirvi quale dieta è più corretta per voi così da garantirvi benessere e perdita di peso salutare.

Una dieta da unire, ovviamente, all’attività fisica che più si addice alle vostre preferenze e alla vostra situazione fisica, perché siete liberi di decidere salvo determinate patologie.

error: Content is protected !!